17.1.17

SU LA TESTA!

La ricerca indipendente va sostenuta concretamente!
 
 Senza il sostegno concreto dei lettori non sarà possibile garantire alcuna attività nel 2017. Ricerca, analisi e studio richiedono tempo utile.



In questo sito non ci sono sponsor o messaggi pubblicitari, e anche ciò consente di essere completamente indipendenti e non influenzabili. Se apprezzi questo lavoro di documentazione a disposizione di chiunque gratuitamente, puoi premiare SU LA TESTA! con una semplice  donazione.

Grazie e buon vento!
 
SU LA TESTA!

conto corrente di Poste italiane

iban:

IT80 J076 0115 7000 0009 3227 742
 

dall'estero:
 
codice BIC/SWIFT

BPPIITRRXXX

PROVINCE: POLTRONE E PRIVILEGI AI SOLITI NOTI





di Gianni Lannes

Cambiare tutto per non mutare nulla a spese dei passivi italidioti. Abolizione delle Province? La legge Delrio (numero 56 del 2014) che porta il nome dell’attuale ministro - lo stesso personaggio del partito democratico che in veste di sindaco ha fatto viaggi e gemellaggi in Calabria (Cutro e dintorni) in odore di ‘ndrangheta - fu concepita con la prospettiva delle ravvicinate modifiche costituzionali contenute nel referendum imposto da Matteo Renzi per conto terzi. Questa norma ha lasciato parecchie cose in sospeso, perché appunto dava per sicura la vittoria del sì al referendum del mese scorso.

16.1.17

QUEI BAMBINI SCALZI, AL GELO, FRA I RIFIUTI




 di Gianni Lannes


«Occorre intervenire urgentemente per consentire ai bambini del cosiddetto ghetto dei Bulgari, a Foggia, di vivere in modo che vengano loro garantiti i più elementari diritti alla dignità e alla salute: un luogo caldo e sicuro, abbigliamento adeguato, la garanzia delle condizioni igienico-sanitarie, l’inserimento entro un sistema di educazione e di inclusione». Lo afferma l’Autorità garante per l’infanzia, Filomena Albano, a seguito del sopralluogo avvenuto il 13 gennaio scorso al cosiddetto ghetto dei Bulgari, in Puglia - per il quale è stata designata a rappresentare l’Ufficio, l’avvocata Milena Anna De Troia - e dal quale è apparsa gravemente a rischio la condizione dei 37 bambini di origine bulgara.

15.1.17

BAMBINI A PERDERE


Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
 

IL PAREGGIO DI BILANCIO E’ FUORILEGGE!



di Gianni Lannes

La sentenza 275/2016 della Corte Costituzionale parla chiaro: i diritti costituzionali vengono prima dell’Europa e di qualsiasi altra normativa. Nel 2011 il governo Monti (insediato con un colpo di Stato da Giorgio Napolitano) inserì il principio del pareggio di bilancio in Costituzione (articolo 81) al fine di demolire lo Stato sociale e quello di diritto. Mario Monti per la cronaca documentata è un affiliato al sodalizio criminale internazionale Bilderberg , inventato da David Rockefeller, al pari di Enrico Letta nonché di tanti altri insospettabili traditori della patria.

14.1.17

PROVINCIALI: ELEZIONI FARSA





di Gianni Lannes

Adesso non spetta neanche più al cosiddetto “popolo sovrano” votarli o meno, neanche la parvenza di democrazia, come si usava ritualmente una volta per annebbiare le coscienze. Fanno tutto fra di loro a spese nostre, e nessuno si ribella a questa dittatura eterodiretta. La legge 56 del 2014 (a firma di Napolitano & Renzi) è palesemente incostituzionale. Prendete il caso di Angelo Riccardi, il candidato del partito democratico all’ente provincia di Foggia. 
 

VACCINI PER TUTTI: PAROLA DEL MINISTRO LORENZIN CHE CONFONDE BATTERI CON VIRUS

fonte:

13.1.17

GLIFOSATO IN EUROPA



di Gianni Lannes

Il profitto è più importante della salute di 500 milioni di europei. Il glifosato è stato dichiarato «potenzialmente cancerogeno per l’uomo» nel marzo 2015 dall’Associazione di ricerca sul cancro (Airc), che lo ha classificato nei fattori di rischio del gruppo 2A (assieme alle carni rosse e al bitume), dimostrando tra l’altro una correlazione tra l’uso del pesticida e il sorgere di linfomi di tipo non-Hodgkin. L’autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), invece, ha sostenuto il contrario, ossia che è improbabile che il glifosato rappresenti una minaccia di cancro per l’uomo. La ricerca dell’Efsa è stata bollata come scarsamente indipendente, e alcuni attivisti hanno dimostrato il coinvolgimento di alcune corporation del farmaco, che avrebbero, in maniera del tutto strumentale, pilotato lo studio e i dati.

Il pesticida è stato creato nel 1950 in svizzera, ed è entrato nel mercato nel 1974. E’ presente in oltre 750 prodotti per l’agricoltura, ma il più noto è il Roundup della Monsanto.

12.1.17

PEDOFILIA: L’OMERTA’ DEL GOVERNO ITALIANO

di Gianni Lannes

Un orrore impunito e senza fine sotto gli occhi distratti della popolazione italidiota. Una ferita che sanguina notte e giorno nel cuore oscuro dell'Europa, a partire da Roma. Gli abusi sui minori, neonati inclusi, aumentano sempre più in Italia, come attestano i rapporti annuali dell’associazione Meter e le notizie di cronaca nera. La legge 269 del 1998 (“norme contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia, del turismo sessuale in danno di minori, quali nuove forme di riduzione in schiavitù”), all’articolo 17, comma 1, stabilisce che

«Il Presidente del Consiglio dei ministri presenta ogni anno al Parlamento una relazione sull'attivita' svolta ai sensi del comma 3».

Dove sono le previste relazioni dei governi Renzi e infine Gentiloni? Perché deputati e senatori non protestano seriamente in relazione a queste gravi latitanze? Per quale ragione il capo dello Stato Sergio Mattarella tace a reti unificate? Comunque, l'omertà è un reato di stampo mafioso. 

IN ITALIA SI UCCIDONO I BAMBINI PER RUBARNE GLI ORGANI



  
di Gianni Lannes

Si chiamava Maria Tosto. Lei aveva appena 4 primavere. Fu rapita ed uccisa a San Giovanni Rotondo, nel Gargano, il 10 gennaio dell’anno 1982. Non è stata l'unica vittima in questo desolante sud, ormai terzo mondo e discarica dell'Europa affaristica.

11.1.17

ESPIANTI DI ORGANI UMANI NEL NORD ITALIA




di Gianni Lannes

Un mercato criminale che si avvale di medici compiacenti e che si rifornisce gratuitamente nei centri di accoglienza, dopo aver rapito bambini per decenni impunemente nel meridione d’Italia. Centri non ufficiali ma ben attrezzati. Va in onda l'orrore: ecco l'ultimo tabù tricolore. Traffico di organi umani minori, strappati a bimbi, fanciulli e ragazze, nonché omertà istituzionale a copertura della criminalità mafiosa. Nel belpaese, da anni, contrariamente alle rassicurazioni ufficiali, insospettabili dottori espiantano organi a bambini e adolescenti, in cliniche private del Settentrione. In questi ospedali dell’orrore situati nelle regioni del Nord Italia, chi ha bisogno di organi nuovi (fegato, reni, cornee, cuore) paga grandi cifre ed evita le liste di attesa. Sono migliaia e migliaia i minori spariti da noi ogni anno, soprattutto nei centri di accoglienza, per alimentare questo commercio di carne umana. A negare l'evidenza ci pensano oltre ai baroni sanitari, anche i siti di disinformazione pilotata come Butac (della serie fango di bufala un tanto al chilo). Perché l’Italia non ha ratificato la convenzione europea contro il traffico di organi umani? 

ALESSANDRO: SCOMPARSO NEL 2009 E MAI PIU' RITROVATO!



BAMBINI A PERDERE

 


Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
 

MANFREDONIA: BELLEZZA DIMENTICATA!

  foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)


di Gianni Lannes


Il vento coglie sempre la vela e mi accarezza perché è fraterno. L’aria scioglie gli scirocchi e leviga la salsedine. Alla marina i miei compagni di immersioni nell'Adriatico hanno volti saccheggiati dal sole, e tra loro parlano una lingua arcaica. Qui è nato il mio trisnonno Carlo, due secoli fa, qui è sepolta una mia radice familiare. Qui ho da sempre amici e amiche a profusione.

 foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

DALL’ECONOMIA ALL’ETICA ECOLOGICA



foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)


di Gianni Lannes

Non siamo i padroni dell'universo e non abbiamo alcun rispetto della vita. Il pianeta Terra vanta 4 miliardi e mezzo di anni, l’umanità ha tre milioni di primavere (secondo le ultime scoperte archeologiche), la cultura occidentale giudaico-cristiana poco più di duemila anni, la civiltà industriale, infine, appena duecentocinquanta anni.  

 foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)
 

ENERGAS: LA DENUNCIA FANTASMA DEL SINDACO RICCARDI!

GENTILE Elena

Gentile dott. Lannes,

Scusandoci per la tardiva risposta, non abbiamo a disposizione il ricorso presentato dal Comune di Manfredonia alla CE ne ci è possibile in alcun modo accedere al testo dello stesso.

Cordiali saluti,
Segreteria dell'On. Gentile

From: gilan808 . [mailto:giannilannes@gmail.com]
Sent: 28 December 2016 08:29
To: GENTILE Elena <elena.gentile@europarl.europa.eu>
Subject: esposto alla commissione europea

16:38 (17 ore fa)


 

10.1.17

BAMBINI A PERDERE


Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
 

9.1.17

PANE DEL SUD


Pane della Daunia - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)
di Gianni Lannes

Un viaggio può iniziare da un solco nella terra. Il Mezzogiorno d’Italia non è solo un luogo geografico nel Mediterraneo, ma la solarità di una terra protesa tra cielo e mare. La sua storia è antica quanto l’essere umano e i frutti che il Meridione regala da sempre hanno radici profonde.

6.1.17

CONTAMINAZIONE ALIMENTARE: DAL CANADA ALL'ITALIA

di Gianni Lannes

La nocività ambientale è una strategia fondamentale del sistema di potere. Non è che le persone, a parte la nemesi medica, si ammalano e poi muoiono per caso. Certi prenditori non hanno scrupoli e vedono soltanto il profitto economico. Questi ectoplasmi non hanno pietà dei bambini. Fanno ingurgitare spazzatura industriale straniera agli ignari consumatori italidioti, robaccia avvelenata dal glifosato. Gli italiani sono trattati peggio degli animali, vale a dire alla stregua delle cavie. In Canada il grano duro imbottito di micotossine è per legge un rifiuto speciale. Invece di finire in discarica da più di un decennio approda a poco prezzo sulle nostre tavole, trasformato in pasta tricolore dopo essere sbarcato nei porti italiani sotto la denominazione di mangime per animali. Gli inquirenti se non gradiscono gli invisibili porti minori e non si scomodano troppo, potrebbero fare un salto a Ravenna oppure a Catania o magari a Bari, per accertare l’inquietante fenomeno. Comunque, i controlli latitano da sempre. L’Unione europea ed il governo - che bivacca eterodiretto dall’estero a Palazzo Chigi - non tutelano la popolazione italiana.


LUOGHI COMUNI

di Gianni Lannes

Un luogo è uno spazio vissuto: un ambito territoriale e al contempo metaforico. Se è condiviso, un luogo è dunque comune. Le conoscenze collettive, i patrimoni comunitari di spazi, risorse, conoscenze e consuetudini non sono né proprietà privata né pubblica, ma collettivamente appartengono a coloro che abitano un luogo. Proprio tali risorse sono a rischio di estinzione: liquidate, espropriate, privatizzate, addirittura brevettate, dichiarate fuori legge, espulse dalla terra e dalla storia. Luoghi comuni sono gli spazi materiali, giuridici e simbolici delle comunità, sono gli usi civici e i saperi condivisi. I luoghi comuni sono per natura indisponibili, inalienabili, imprescrittibili, non privatizzabili, insomma ineludibili.